2015, Martedì, 7 Luglio
   
Home - Cerca  
Messaggio Cristiano

La famiglia di Gesù

 

Lo scandalo di avere una modesta parentela

 

L’’episodio evangelico di questa domenica si svolge a Nazaret, la patria di Gesù. Si tratta di un insuccesso che Gesù stesso commenta con un proverbio popolare ”Un profeta non è disprezzato se non nella sua  patria…”. I suoi compaesani sentono Gesù insegnare nella loro sinagoga, restano stupiti della sua dottrina, perché conoscono le sue origini (famiglia insignificante) e la sua formazione (carpentiere) . Capiscono la spiegazione giusta e si domandano “Da dove vengono a costui queste cose? E che sapienza è mai questa che gli è data? Però non sono capaci di trarne le conseguenze.

 

Pongono la domanda giusta, ma danno una risposta sbagliata.  (Venne tra la sua gente ma i suoi non l’’hanno accolto Gv1,11). Se si fossero affidati  a questo interrogativo pertinente, se si fossero posti alla ricerca del dove, sicuramente  sarebbero andati lontano. Essi trovano invece una risposta prematura nell’ ’"incasellamento "di Gesù in cose conosciute, in quello che si sa già. E’’ l’’equivoco che minaccia tutti noi : la  facoltà di   chiudere i problemi fastidiosi con quello che abbiamo a portata di mano, invece di tenerli aperti in un atteggiamento di ricerca profonda e di sofferta attesa verso ciò che c’è di nuovo e non si conosce.

 

Questa maniera di liquidare i problemi (invece di risolverli) è una crisi di rigetto che è alla base delle nostre esigenze personali, e non   della verità. Spesso preferiamo rinunciare a Dio piuttosto che alle nostre esigenze e all’’immagine che ci siamo fatti di Dio. L’’incredulità dei compaesani di Gesù riguarda quindi anche noi. Questo rifiuto, infatti, è simbolo e preludio di un rifiuto assai vasto... però non dobbiamo considerarlo normale. Gesù, con le sue parole sapienti e potenti non può essere pietra di inciampo sul cammino di fede.

 

Gesù percorre la strada del profeta che nella tradizione biblica, e in modo particolare nella prima lettura di questa domenica , viene contestato e rifiutato da quelli ai quali è inviato. In ogni caso la vita del profeta non dipende dal successo della sua missione : la sua presenza è un segno che interpella ineluttabilmente i destinatari, ascoltino o non ascoltino .La missione di Gesù a Nazaret si conclude con un bilancio un pò’ triste: perché non vi poté operare nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi malati e li guarì. E si meravigliava della loro incredulità . Questo poi è una delle affermazioni più difficili nel vangelo, proprio perché ricorda qualcosa che Gesù non riuscì a fare.

 

Il limite non è quindi, suo, ma quello dell’’incredulità e della diffidenza dei suoi concittadini.. Però  i pochi miracoli di Nazaret sono i più importanti del vangelo (sembra là il punto focale di questa pericope), perché  poche di queste persone  sono andate a controcorrente  dell’’ostilità, della sfiducia dell’’indisponibilità e dell’’incredulità generali.

 

Gesù lascia Nazaret (incredula) per seguire il suo destino di profeta, e va ad insegnare negli altri villaggi all’’interno. Questo atteggiamento è specchio dello stile e dell’’agire di Dio : nonostante la sapienza della sua parola e la potenza dei suoi gesti, Egli è impotente davanti alla resistenza e al rifiuto degli uomini. Cioè nessun gesto o nessuna parola pur provenienti da Dio hanno un qualche effetto in ordine alla salvezza   se non incontrano una disposizione previa di fiduciosa accoglienza, di cordiale adesione da parte di tutte le persone che ne sono le  beneficiarie . In poche parole: la fede è la porta che ci apre all’’azione salvifica di Dio.

 

Don Joseph Ndoum  

 


Questo sito web fa uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti.
Non fa uso di cookie di profilazione.
Proseguendo con la navigazione intendi aver accettato l'uso di questi cookie.
OK
No, desidero maggiori informazioni