2019, Sabato, 21 Settembre
   
Africa di ieri e di oggi


AKOTARA

Il Museo consacrato ai Gbayas del Nord-Ovest Centrafricano

 

http://www.alain-degras.fr/html/mission.html

 

www.akotara.capucinstchadrca.com/

 

         Il 7 giugno 2012, a Bouar nel Centrafrica, è stato inaugurato il “Musée des akotara” (= il museo degli avi) che espone al pubblico un importante patrimonio della vita ancestrale, specie del periodo prima dell’Indipendenza nazionale.

 

         Il complesso era stato messo insieme dai primi missionari Cappuccini Genovesi, specie da un tale che si firma “L’Ex”. Con pazienza e per 20-30 anni, egli aveva raccolto una grande quantità di oggetti, utili alla vita ordinaria di lavoro, caccia e alle più diverse necessità … Da circa vent’anni i reperti erano custoditi alla “Yolé” e quasi “abbandonati”, anche se non era raro che venisse gente dalla capitale (Bangui) a Bouar  - 450 km -, per ammirate la collezione.

 

         I vari pezzi da museo, che alcuni nostri contemporanei qualificano  “superati”,  attualmente  -  e finalmente  - sono stati sistemati in luoghi appropriati, dove ogni cosa è messa al suo giusto posto, sotto la direzione di un volontario “naturalista” francese, Alain Degras.

 

         La collezione si trova presso il Centro di Cultura e Formazione denominato “St Laurent”. La sua importanza e la sua ricchezza costituisce un patrimonio culturale, e per questo diventa materiale vivente e tangibile per la Storia Centrafricana.

 

Frati Minori Cappuccini

Vice-Provincia TCHAD ~ RCA

Saint-Laurent

Bouar

BP 23

République Centrafricaine

 

 



 

Versione senza grafica
Versione PDF


<<<  Torna alla pagina precedente

Home - Cerca  
Messaggio Cristiano

Sediamoci un po´... come Maria

«Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine» (Lc 14, 25-33) 

 
La posta in gioco è alta: amare Gesù più e prima di tutte le altre creature, prendere la croce e seguirlo fino in fondo…
 
E non si rivolge a un gruppo ristretto, scelto. Gesù sta parlando alle folle. È la proposta della vita cristiana in tutta la sua durezza e bellezza.
 
Consapevole di chiedere tanto, Gesù invece di abbassare il prezzo lancia la sfida: ci stai?
 
Non vuole una risposta immediata, motivata dall’entusiasmo. Gesù era Gesù. Le folle erano prese dal suo insegnamento, lo seguivano per giorni interi, ne erano affascinate e, a sentirlo parlare, tutto sembrava facile.
 
Egli vuole un'adesione ragionata, convinta. Se lo scegli devo farlo seriamente, come quando si sceglie di sposarsi.
 
 
 
Ed ecco due parabole, la costruzione di una torre e l’imminenza di una guerra.
 
Prima di iniziare la costruzione e prima di attaccare battaglia fai bene i tuoi calcoli, meglio rinunciare che fermarti a metà o perdere.
 
Così per diventare cristiano: pensaci bene, è una scelta che implica una vita , non è lo slancio di un momento.
 
Gesù vuole essere seguito a ragion veduta, con convinzione e consapevolezza.
 
La sua chiamata potrebbe parafrasare quella dell’impegno matrimoniale:
 
“Prometti di essermi fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, e di amarmi e onorarmi tutti i giorni della tua vita?”
 

 
In ambedue le parabole appaiono due verbi sorprendenti: siediti e calcola-esamina.
 
C’è una decisione importante da prendere e non può essere affrontata alla leggera.
 
Quante decisioni prese in fretta si rivelano presto rovinose.
 
Primo, sedersi. Occorre fermarsi anche e soprattutto quando le cose sembrano urgenti.
 
Calma, prima di tutto. Far tacere l’agitazione.
 
La nostra è una società sempre in corsa. I social hanno ulteriormente accelerato le decisioni, prese istintivamente, seguendo il primo impulso. La politica per prima dà il cattivo esempio, non prende il tempo neppure per “sedere” in parlamento.
 
 
Secondo, calcolare-esaminare . Bisogna ragionare sulle cose, fare un discernimento, si direbbe. E questo richiede lucidità, domandare consiglio, saper sospendere la decisione, ritornarci sopra in un secondo momento quando ci sono tutti gli elementi…
 
È una dinamica che non vale soltanto per le scelte di fede, ma per ogni decisione importante della vita.
 
 
Maria, anche questa domenica, lascia il posto a Gesù . È l’8 settembre, il suo onomastico! Eppure il “giorno del Signore” prevale su le altre feste.
 
E lei è contenta. Lo ha sempre fatto. Emblematiche le sue ultime parole: “Fate quello che egli vi dirà”. Si tira da parte perché i servi non guardino lei ma lui: indirizza verso il Figlio suo.
 
 
Anche lei, prima di prendere la sua grande decisione si era seduta. Non a caso nella maggior parte delle raffigurazioni dell’Annunciazione è ritratta seduta.
 
Poi anche lei calcola, esamina: “Come avverrà questo? Non conosco uomo”.
 
Soltanto quando tutto è chiaro e ha gli elementi necessari, prende la sua decisione, irrevocabile: “Eccomi, ci sto, mi dichiaro pronta ad assumere la missione che mi viene affidata, sono la serva del Signore, si compia il suo progetto su di me”.
 
Lei sì che ha vissuto il Vangelo!
 
 
Fabio Ciardi

Questo sito web fa uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti.
Non fa uso di cookie di profilazione.
Proseguendo con la navigazione intendi aver accettato l'uso di questi cookie.
OK
No, desidero maggiori informazioni