2020, Mercoledì, 29 Gennaio
Benabe

 

Cari lettori, non posso lasciare la tradizione di augurare a tutti un Mondo di Bene! Tanto più che il 2020 risuona bel tondo!

 

I miei AUGURI sono un po’ speciali: il nuovo Anno 2020 inizia con una “novità” che si rifà al 1968 … Allora erano i giovani a fare la rivoluzione; OGGI abbiamo una giovane, GRETA, che trascina con sé il mondo … ridotto ai minimi termini!


...continua>>

  Liturgia del giorno >>>

Mercoledì della III settimana del Tempo Ordinario

2Sam 7,4-17 Sal 88 Mc 4,1-20: Il seminatore uscì a seminare.

Contatti - info@benabe.org

Clicca qui!
BLOG dell´Ex
NEW Chi è per me Chiara Lubich?

Il BLOG di "BENABE" è aperto a tutti, per aiutare reciprocamente a tendere a quel SOLO che da sempre ci aspetta per "perderci" in Lui.
MISERICORDIOSI COME IL PADRE
Le parole del Papa
NEW ANGELUS

Roma, Piazza San Pietro, 26 Gennaio 2020

UDIENZA GENERALE

Aula Paolo VI, Mercoledì 22 Gennaio 2020
Letture e meditazioni
MEDITAZIONE MATTUTINA NELLA CAPPELLA DELLA DOMUS SANCTAE MARTHAE

L´essenziale è il rapporto con Dio

Parola di vita ľ Gennaio 2020

źCi hanno trattati con rara umanità╗ (At 28,2).
Cronaca Bianca
Quando Dio interviene

Vangelo vissuto

Questa rubrica è stata aperta per dare spazio a fatti positivi, raccolti qua e là in tutto il mondo. Sta al lettore lasciarsi interpellare e capire che non esiste "caso" vero che non mostri l´intervento di Dio.

Attratti dalla bellezza: l´Immacolata

Atto di affidamento alla Beata Vergine Maria di Fatima

Frosinone, il Papa visita a sorpresa la Cittadella Cielo con Bocelli

Il pontefice nella struttura di accoglienza collegata alla comunità "Nuovi Orizzonti" fondata da Chiara Amirante nel 1993
A tutto campo
NEW Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della cerimonia per i cento anni dalla nascita di Chiara Lubich.

Trento, 25/01/2020

VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE IN THAILANDIA E GIAPPONE (19-26 Novembre 2019)

CONFERENZA STAMPA DEL SANTO PADRE DURANTE IL VOLO DI RITORNO (26 Novembre)

Il Papa all´Istituto Sophia: camminate insieme per una civiltà nuova
A tu per tu
Missione, con lo stile di Maria



Buco nero

Allegati
Pensieri del Gufo
PENSIERI DEL GUFO

Su una vecchia quercia stava un vecchio Gufo, più taceva e più sapeva, più sapeva e più taceva...
Testimoni del nostro tempo
La "debolezza" di Chiara

22 Gennaio 2020

A LOPPIANO al tempo di Renata Borlone
I Cappuccini
Vita del convento di SAVONA

Sabato 4 Gennaio

Allegati

Margherita Bays, la Santa del quotidiano
Africa di ieri e di oggi
Europa. Chiedere scusa all´Africa: il coraggio che ci serve

Alberto Mattioli, venerdì 26 luglio 2019

Ucciso missionario cappuccino in Camerun

20 Marzo 2019
Home - Cerca  
Messaggio Cristiano

La Domenica della parola di Dio

Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno (Mt 4, 12-23)

 
In questa terza domenica del tempo ordinario si celebra per la prima volta, su invito di papa Francesco, la “Domenica della parola di Dio”. In questa occasione, leggiamo nel Motu proprio Aperuit illis, «sarà importante (…) che nella celebrazione eucaristica si possa intronizzare il testo sacro, così da rendere evidente all’assemblea il valore normativo che la Parola di Dio possiede (…). I parroci potranno trovare le forme per la consegna della Bibbia, o di un suo libro, a tutta l’assemblea in modo da far emergere l’importanza di continuare nella vita quotidiana la lettura, l’approfondimento e la preghiera con la Sacra Scrittura, con un particolare riferimento alla lectio divina».
 
Basteranno questi gesti?
Quando Paolo rivolgendosi ai Corinzi afferma: «Potreste avere anche diecimila pedagoghi in Cristo ma non certo molti padri: sono io che vi ho generato in Cristo Gesù mediante il Vangelo» (1 Cor 4, 15), mostra chiaramente che annunciare il Vangelo significa generare i fedeli. Anche per Paolo, come per i Dodici, è vero che attraverso la Parola si “generarono le Chiese”.
L’annuncio della Parola di Dio non è semplicemente una sorta di insegnamento, una predicazione, ma la comunicazione di una vita. Le persone cui ci si rivolge annunciando il Vangelo dovrebbero vivere l’esperienza di essere rigenerati.
 
Dunque dare il libro del Vangelo o “generare in Cristo mediante il Vangelo”?
Per generare una vita occorre avere in sé la vita. Per generare mediante il Vangelo occorre essere Vangelo vivo.
Testimoni dunque, ossia coinvolti in prima persona in quello che annunciano: occorre aver udito, visto, contemplato, toccato. Si comunica un vissuto, un’esperienza. Altrimenti è erudizione, forse catechesi, ma non si genera la vita.
 
Ogni nostra proclamazione della Parola dovrebbe concludersi come quella di Gesù nella sinagoga di Nazareth: «Oggi si è adempiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato» (Lc 4, 21). Chi ci ascolta dovrebbe vedere in noi il compimento, l’attuazione di quello che annunciamo. Soltanto così la Parola genera la vita e potremo dire, come Paolo: “vi ho generato in Cristo Gesù mediante il Vangelo”.
 
 
Fabio Ciardi

Questo sito web fa uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti.
Non fa uso di cookie di profilazione.
Proseguendo con la navigazione intendi aver accettato l'uso di questi cookie.
OK
No, desidero maggiori informazioni