2020, Martedì, 31 Marzo
Benabe

 

Cari lettori, non posso lasciare la tradizione di augurare a tutti un Mondo di Bene! Tanto più che il 2020 risuona bel tondo!

 

I miei AUGURI sono un po’ speciali: il nuovo Anno 2020 inizia con una “novità” che si rifà al 1968 … Allora erano i giovani a fare la rivoluzione; OGGI abbiamo una giovane, GRETA, che trascina con sé il mondo … ridotto ai minimi termini!


...continua>>

  Liturgia del giorno >>>

Martedì della V settimana di Quaresima

Nm 21,4-9 Sal 101 Gv 8,21-30: Avrete innalzato il Figlio dell´uomo, allora conoscerete che Io Sono.

Contatti - info@benabe.org

Clicca qui!
BLOG dell´Ex
Coronavirus

Il BLOG di "BENABE" è aperto a tutti, per aiutare reciprocamente a tendere a quel SOLO che da sempre ci aspetta per "perderci" in Lui.
MISERICORDIOSI COME IL PADRE
NEW Rimettiamo a fuoco la meta?

"L´amore è la più potente forza del mondo: scatena, attorno a chi lo vive, la pacifica rivoluzione cristiana" CL
Le parole del Papa
NEW ANGELUS

Biblioteca del Palazzo Apostolico, V Domenica di Quaresima, 29 marzo 2020

MOMENTO STRAORDINARIO DI PREGHIERA IN TEMPO DI EPIDEMIA

Sagrato della Basilica di San Pietro, Venerdì, 27 marzo 2020
Letture e meditazioni
NEW CELEBRAZIONE MATTUTINA TRASMESSA IN DIRETTA DALLA CAPPELLA DI CASA SANTA MARTA

OMELIA DEL SANTO PADRE FRANCESCO

Via Crucis al tempo del Corona virus
Cronaca Bianca
Quando Dio interviene

Vangelo vissuto

Questa rubrica è stata aperta per dare spazio a fatti positivi, raccolti qua e là in tutto il mondo. Sta al lettore lasciarsi interpellare e capire che non esiste "caso" vero che non mostri l´intervento di Dio.

Attratti dalla bellezza: l´Immacolata

Atto di affidamento alla Beata Vergine Maria di Fatima

Frosinone, il Papa visita a sorpresa la Cittadella Cielo con Bocelli

Il pontefice nella struttura di accoglienza collegata alla comunità "Nuovi Orizzonti" fondata da Chiara Amirante nel 1993
A tutto campo
Noi, preti del Policlinico di Milano, testimoni di dolore ed eroismo

14 Marzo 2020

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della cerimonia per i cento anni dalla nascita di Chiara Lubich.

Trento, 25/01/2020

VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE IN THAILANDIA E GIAPPONE (19-26 Novembre 2019)

CONFERENZA STAMPA DEL SANTO PADRE DURANTE IL VOLO DI RITORNO (26 Novembre)
A tu per tu
Missione, con lo stile di Maria

Buco nero

Allegati
Pensieri del Gufo
PENSIERI DEL GUFO

Su una vecchia quercia stava un vecchio Gufo, più taceva e più sapeva, più sapeva e più taceva...
Testimoni del nostro tempo
La "debolezza" di Chiara

22 Gennaio 2020

A LOPPIANO al tempo di Renata Borlone
I Cappuccini
Vita del convento di SAVONA

Sabato 24 Novembre

Allegati

Margherita Bays, la Santa del quotidiano
Africa di ieri e di oggi
Prendersi cura del mondo

L´Africa e le "piaghe bibliche: l´invasione delle cavallette

Allegati
Home - Cerca  
Messaggio Cristiano

Come usciremo da questa tomba?

Lazzaro, vieni fuori!” (Gv 11, 1-44)

 
La resurrezione di Lazzaro!
Mi vengono in rilievo tre osservazioni leggendo il denso racconto di Giovanni.
 
1. La calma con la quale Gesù affronta la situazione. Gli fanno sapere che l’amico sta male e lui continua tranquillamente il suo lavoro e lascia passare due giorni preziosi. Poi gli ce ne vogliono altri quattro per arrivare a Betania. Troppo pardi, Signore: hai fatto passare una settimana… Sia Marta, sia Maria, sia i Giudei lo rimproverano: “Signore, se tu fossi stato qui…”; “non poteva far sì che non morisse?”.
Quante volte vorremmo piegare Dio ai nostri ritmi, alle nostre esigenze. Lui conosce i tempi meglio di noi.
 
2. Gesù ama davvero, con il cuore, in maniera molto umana. Davanti al dolore di Marta e Maria il Vangelo dice che si commuove, anzi, “si commosse profondamente” (ripetuto due volte!), rimane “molto turbato”, infine “scoppiò a piangere”.
Scoppiò a piangere, dakryein, in greco, l’unica volta che in tutto il Nuovo Testamento viene usata questa parola, molto diversa dal “lamento”, klaien, di Maria e dei Giudei.
Un Dio che si commuove profondamente, che rimane molto turbato, che scoppia a piangere davanti alla morte e al dolore che la morta provoca. Non è un Dio lontano, impassibile, è Dio che s’è fatto vicino e umano, capace di condivisione.
Anche noi siamo chiamati ad amare con l’intensità d’amore di Gesù.
 
«Adoro i fremiti di Gesù e le sue lacrime ai piedi della tomba di Lazzaro», scriveva sant’Eugenio de Mazenod riferendosi a chi gli rimproverava di essere troppo sensibile e di piangere quando gli morivano gli Oblati. «Non concepisco come possano amare Dio coloro che non sanno amare gli uomini degni di essere amati. Non penso neppure lontanamente di disconoscere o semplicemente di nascondere i miei sentimenti. Non posso fare altro che ringraziare Dio per avermi dato un’anima capace di comprendere meglio quella di Gesù Cristo, nostro Maestro. “Chi non ama non conosce Dio perché Dio è Amore”. E questo amore non è speculativo e non astrae dalla persona. Bisogna amare qui in terra per permettersi di amare Dio per il quale, nel vero senso, si amano le sue creature, tanto che l’Apostolo dice “chi infatti non ama il fratello che vede, come può amare Dio che non vede?”. Non c’è una via intermedia: “Abbiamo questo comandamento: chi ama Dio ami anche il fratello”. Si studi san Giovanni, si scruti il cuore di san Pietro e il suo amore per il divin Maestro, si approfondisca, soprattutto, ciò che sgorgava dal cuore di Gesù Cristo che amava, non solo tutti gli uomini, ma in particolare i suoi Apostoli e i suoi discepoli, e poi si abbia il coraggio di venire a predicarmi un amore speculativo, privo di sentimenti, senza affetto!».
 
3. L’elemento centrale di tutto il racconto sono naturalmente le parole di Gesù: “Lazzaro, vieni fuori!”. L’invito finale: “Liberàtelo e lasciàtelo andare”, è ormai l’attestazione della liberazione da ogni legame di morte. Gesù è davvero ciò che si è proclamato: Io sono la “risurrezione e la vita”.
 
La domanda che mi pongo, nel mezzo della pandemia che stiamo vivendo, è: cosa accadrà quando anche noi sentiremo: “Vieni fuori?”.
Siamo come Lazzaro chiusi in casa, legati mani e piedi. Altro che quattro giorni!
Cosa faremo quando finalmente usciremo dalle nostre tombe?
Correremo all’impazzata nei centri commerciali, in pizzeria, ci daremo a consumare più di quanto possiamo permetterci, torneremo ad essere indifferenti gli uni gli altri…?
Se fosse così vorrebbe dire che non abbiamo imparato niente da questa tragedia.
Non è questa la liberazione dalla morte che Gesù ha dato a Lazzaro.
 
Dovremo avere imparato a stare con i nostri bambini, a prestare maggiore attenzione agli anziani, a rispettare il lavoro umile di tante persone anonime.
Dovremo avere riscoperto l’importanza dei legami familiari e di vicinato.
Dovrebbe essere caduto ogni tipo di barriera, sapendoci tutti ugualmente vulnerabili, al di là delle differenze di culture e di nazioni, come anche tra ricchi e poveri: il male comune ci fa capire il bene comune. Saremo diventati più umani, più fratelli?
Dovremo avere acquistato un maggiore senso dello Stato e dell’importanza della politica, del valore della società civile e dei suoi servizi.
Dovremo essere diventati più umili: non siamo i padroni del mondo, non possiamo sfruttare e manipolare la natura a nostro piacimento, crederci invincibili a causa della scienza e della tecnica.
Dovremo avere imparato a prendere più tempo per pregare, a fidarci di Dio. Dovrebbe essere cresciuta la nostra sete della Parola di Dio e dell’Eucaristia, della comunità cristiana riscoperta luogo della presenza di Dio tra noi.
 
Fabio Ciardi

Questo sito web fa uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti.
Non fa uso di cookie di profilazione.
Proseguendo con la navigazione intendi aver accettato l'uso di questi cookie.
OK
No, desidero maggiori informazioni